Astigmatici

L’astigmatico vede gli oggetti sdoppiati e distorti, naturalmente in grado maggiore o minore in funzione dell’entità dell’astigmatismo. Può associare miopia o ipermetropia o essere misto. Con il metodo di Educazione alla visione naturale® gli astigmatismi di lieve entità si risolvono molto bene, mentre gli astigmatismi elevati si risolvono al meglio con l’utilizzo di lenti a contatto specializzate. Anche in caso di astigmatismi elevati o irregolari, tuttavia, migliora l’acutezza visiva sia con che senza lenti ed anche la percezione visiva in generale con grande vantaggio per le persone che sperimentano una maggiore sicurezza ed autonomia.

Percorso

Inizia con un esame optometrico analitico, un’analisi visiva che ci consente di fare il punto della situazione, definire insieme gli obiettivi, creare un programma personale. 

Il programma si svolge in sessioni individuali e incontri di gruppo. La frequenza delle sessioni individuali può essere settimanale, quindicinale, a volte mensile o più a seconda del caso. L’incontro con il gruppo è mensile.

Periodicamente si valutano i risultati e si decide se terminare il programma o ridefinirlo in funzione di nuovi obiettivi.

Risultati

Partendo da un’intenzione profonda che garantisce il dovuto impegno, lavorare con il metodo su tutti i piani (fisico, mentale, emozionale, energetico) consente, contrariamente a ciò che accade con altri tipi di “ginnastica” oculare, di ottenere risultati che durano nel tempo.

Lungo il percorso si acquisisce una nuova consapevolezza di sé e di come lavorano i nostri occhi e si maturano nuove e migliori abitudini che vanno a costituire un  patrimonio personale…è come andare in bicicletta o nuotare: una volta imparato non si dimentica.

Per approfondire leggete ciò che ho scritto per “Mix Magazine, la rivista dei 5 sensi”

ASTIGMATISMO
Consiste nel fatto che il fuoco delle radiazioni luminose che attraversano l’occhio non è puntiforme ma può essere rappresentato da una linea focale. Ciò accade per il fatto che la cornea o il cristallino, oppure entrambi, non hanno forma sferica ma ovoidale. Può essere regolare o, in alcuni casi patologici, irregolare. Viene classificato in base alla posizione dei meridiani corneali ed alla associazione con miopia o ipermetropia, compensato con lenti a curvatura variabile che vengono poste davanti agli occhi secondo un asse che deve corrispondere a quello dell’astigmatismo rilevato durante l’esame visivo. L’uso di lenti a contatto sarà spesso di valido ausilio e consentirà di ottenere un’acutezza visiva non raggiungibile con gli occhiali.

Coloro che sono astigmatici fin dalla nascita e non hanno mai portato occhiali possono, se l’astigmatismo è di notevole entità, sviluppare un’ambliopia astigmatica, cioè l’acutezza visiva non può svilupparsi a causa delle immagini costantemente sfuocate di cui il sistema visivo ha fatto esperienza.

Simbolicamente l’astigmatico non sa decidersi, ha difficoltà ad operare delle scelte.

Confusione rispetto a ciò che si prova davvero o di smarrimento rispetto a ciò che si vuole davvero.

L’astigmatico vive uno stato di confusione tra ciò che prova e ciò che è meglio per convenzione sociale o familiare e quindi si adegua a queste situazioni non sue o per paura (astigmatismo miopico) o per rabbia per la propria inadeguatezza (astigmatismo ipermetropico)

Sono state descritte per l’astigmatismo cause accomodative, problemi legati alla convergenza, posture distorte, diversa pressione delle palpebre sulla superficie corneale…come per gli altri difetti rifrattivi, e ancor più rispetto agli altri, si tratta di ipotesi. Vi sono pure astigmatismi che nascono in età adulta in seguito ad eventi traumatici psichici, come vi fosse l’impossibilità di conciliare l’esperienza con ciò che dovrebbe essere. Ci si può anche sentire smarriti, non volendo vedere la vita per quello che è.

Soluzioni per l’astigmatismo: occhiali, lenti a contatto, chirurgia rifrattiva, Educazione alla visione naturale®

Bibliografia:
Maurizio Cusani – Psicosomatica oculare – Ed. La Lontra
Rudiger Dahlke, Malattia come simbolo Ed. Mediterranee
Claudia Rainville, Metamedicina, Ogni sintomo è un messaggio Ed. Amrita
Susanna Garavaglia, Diario di Psicosomatica Ed. Tecniche nuove
Nitamo Montecucco, Psicosomatica olistica Ed. MediterraneeFrancesco Bottaccioli, Psiconeuroendocrinoimmunologia Ed. RED