Optometria comportamentale

Postato in Optometria comportamentale.

optometrai compoertamentaleCirca cinquant'anni dopo Bates nasce una nuova scuola di optometria americana, l'Optometria Comportamentale, che considera il vedere non un semplice processo meccanico ma un sistema integrato di feedback tra occhi, emozioni e cervello. Una buona vista non è caratterizzata solo dall'acutezza, cioè dai dieci decimi, dalla definizione con cui si vedono i dettagli, ma è un processo dinamico che implica la capacità di indirizzare precisamente l'occhio sull'oggetto che desidera osservare per cogliere integralmente le sue caratteristiche percettive. Un ruolo determinante è dunque attribuito dalla optometria comportamentale al cervello quale conduttore dei diversi processi che si attivano nella percezione visiva.

All'accomodazione, meccanismo di messa a fuoco, è associato il meccanismo di convergenza cioè la capacità degli occhi di volgersi uno verso l'altro per mettere a fuoco un'oggetto vicino, e di divergenza cioè il disporsi degli assi dei due occhi paralleli per osservare un oggetto lontano. Le due immagini impresse nelle retine dei due occhi percorrono le vie ottiche , costituite dai nervi ed i loro prolungamenti, e giungono alla corteccia cerebrale per venire elaborate ed interpretate. Qui esse vengono fuse per dar luogo alla visione binoculare singola e la leggera discrepanza di messaggio proveniente da ciascun occhio viene letta dal cervello come senso del rilievo o visione stereoscopica. Questi processi, secondo gli optometristi comportamentali, costituiscono principalmente un modo di mettersi in relazione con gli oggetti del mondo esterno e l'ambiente può favorire oppure scoraggiare questa relazione.

L'optometria comportamentale, in completo accordo con Bates, ritiene che vista ed emozioni abbiano importanti connessioni anche a livello fisiologico. Tutti i processi che concorrono alla perfetta messa a fuoco delle immagini sono involontari, controllati dal sistema nervoso autonomo e soggetti all'influenza della tensione mentale ed emotiva inconscia non scaricata all'esterno.